mercoledì 11 aprile 2018

SAPORI E TRADIZIONE DELLA SINISTRA PIAVE: L’AZIENDA AGRICOLA SILVIA FIORIN








I giornalisti dell’Italia del Gusto, sempre attenti quando si parla di cultura del vino, specialmente verso gli autoctoni, hanno conosciuto all’importante rassegna piacentina sui vini naturali “Sorgente del Vino Live” l’azienda agricola Silvia Fiorin di Pieve di Soligo, rimanendo molto colpiti dalla qualità e semplicità del loro “Naolta”, frizzante col fondo da uve Glera, realizzato proprio “come una volta” : così sono andati a visitare l’azienda direttamente, scelta che si è rivelata appropriata.
Questa azienda agricola è un esempio di bioetica, di biodiversità e non monocultivar, che   lavora in maniera sana e giusta, forte di una passione per la terra e la tradizione, unita al massimo rispetto per l’ambiente circostante e la sostenibilità (da tempo usano il fotovoltaico).
Silvia Fiorin, che è sommelier, ha aperto la Cantina nel 2011, assieme al marito perito agrotecnico, anche se l’azienda è stata fondata dal nonno, che l’ha poi tramandata in famiglia, che comprò negli anni ‘70 degli appezzamenti vocati alla produzione dei kiwi, scelta d 55 anni orsono di un Conte dalle idee alquanto eclettiche.
La Cantina conta circa 5 h di vigneto con sistema di allevamento a guyot, mentre la vendemmia è fatta rigorosamente a mano; le migliori uve sono destinate alla produzione del frizzante “Naolta”, chiamato così per la tradizione di far rifermentare il vino in bottiglia dopo Pasqua, seguendo le lune. Al momento stanno anche sperimentando la Bianchetta Trevigiana, vitigno quasi del tutto scomparso a Treviso e Belluno, sempre con la rifermentazione in bottiglia.
Vengono anche prodotti mais, fieno ed orzo per le mucche che garantiscono cosi la concimazione annuale per le vigne e i kiwi certificati bio,ed hanno pure un frutteto e l’orto in biodinamica, ma non per la vendita.
La produzione media annua di kiwi è di circa 700 quintali, la potatura e la legatura di questi frutti richiede circa 3 mesi di lavoro e la vendita diretta in azienda avviene tra novembre e i primi di gennaio, per esaltare la freschezza e tutte le proprietà del kiwi stesso.
Silvia Fiorin, durante la chiacchierata coi comunicatori dell’Italia del Gusto, ha sottolineato quanto sia fondamentale per la propria azienda agricola l’equilibrio tra le diverse colture (per questo non sono per la monocultura, ma per l’unione tra animali, persone e frutti); condizione imprescindibile questa per continuare a lavorare qualitativamente bene e nel modo più naturale, visto che all’orizzonte ci sono altri progetti innovativi

Nessun commento:

Posta un commento

A VILLA SELVATICO DI RONCADE IL PREMIO GIANNITESSARI-VENEZIE A TAVOLA COME MIGLIOR RISTORANTE EMERGENTE

Al ristorante guidato dal giovane cuoco Alessandro Rossi il premio della guida Venezie a Tavola consegnato dall’azienda agricola Giannit...