giovedì 26 aprile 2018

VINITALY 2018: GRANDI SPUMANTI E IL NEBBIOLO DELLE ALPI PER BORGHI D’EUROPA






Borghi d’Europa ha trascorso un pomeriggio a Vinitaly 2018, rassegna leader per la promozione e distribuzione delle realtà italiane e non del mondo vitivinicolo, giunta quest’anno alla 52° edizione, che come sempre è stata affiancata in contemporanea da Sol&Agrifood (con accento verso la filiera agroalimentare) ed Enolitech, dedicata alle tecnologie per la filiera oleicola e vitivinicola.
I numeri sono impressionanti: quasi 130 000 presenze provenienti da 128 Paesi in 4 giorni di manifestazione, con 4380 espositori da 36 Paesi, cifre davvero ragguardevoli.
Borghi d’Europa, nel poco tempo a disposizione, ha cercato di soffermarsi su tre importanti zone vocate al mondo del vino della Lombardia, dove ci sono tutte le premesse (anche dal punto di vista storico-culturale) per fare della buona informazione territoriale: l’Oltrepò Pavese, la Franciacorta e la Valtellina, ovvero grandi spumanti Metodo Classico e il nobile Nebbiolo delle Alpi o Chiavennasca.
Per l’Oltrepò Pavese, Borghi d’Europa ha assaggiato gli spumanti Metodo Classico a base di Pinot Nero (espressione della tipicità del terroir) della giovane Azienda Finigeto di Montalto Pavese, nata nel 2005, delle Cantine Giorgi di Canneto Pavese, realtà quest’ultima esistente dal 1870, ed infine le raffinate bollicine di La Versa (Santa Maria la Versa).
Per la Franciacorta invece, hanno suscitato notevole interesse gli Spumanti nelle versioni Brut, Pas Dosè e Rosè (sia da uve Chardonnay che da uve Pinot Nero) dell’Azienda Agricola Lovera di Erbusco, davvero molto fini e sapidi.
Infine, la Valtellina, zona vitivinicola che è già stata comunicata efficacemente da Borghi d’Europa in alcune occasioni; la Redazione nel futuro prossimo è interessata a fare delle riprese sul posto per toccare e apprezzare da vicino questo territorio, che offre anche delle chicche nell’agroalimentare.
Sono stati degustati i rossi eleganti e persistenti delle Aziende Agricole Nera e Caven Camuna di Chiuro, quelli della Tenuta Scerscè di Tirano, gestita da Cristina Scarpellini, quelli di La Perla di Marco Triacca (di Tresenda di Teglio), poi alcune etichette di Mamete Prevostini di Mese, il Valgella (nome di una sottozona tipica) di Sandro Fay di San Giacomo di Teglio e ancora quelli di Balgera Paolo di Chiuro e quelli della Cantina Menegola di Castione Andevenno.
Ricordiamo che la promozione qualitativa del Nebbiolo delle Alpi (o Chiavennasca) avviene anche grazie al grande lavoro svolto dal Consorzio per la Tutela dei Vini di Valtellina: la direzione giusta per dei rossi d’autore!

Nessun commento:

Posta un commento

A VILLA SELVATICO DI RONCADE IL PREMIO GIANNITESSARI-VENEZIE A TAVOLA COME MIGLIOR RISTORANTE EMERGENTE

Al ristorante guidato dal giovane cuoco Alessandro Rossi il premio della guida Venezie a Tavola consegnato dall’azienda agricola Giannit...