giovedì 21 giugno 2018

GICO per CHIC - Charming Italian Chef




“Mio padre Luigi, ha creato GICO nel 1971, dopo aver fondato altre importanti aziende del mondo dei grandi
impianti. Ha passato la sua vita al servizio della progettazione tecnica e mi ha insegnato che nella vita la
passione e la determinazione sono gli ingredienti fondamentali da cui partire.”
Queste le parole di Valeria Ongaro, figlia del fondatore Luigi Ongaro, che rimarcano come, oggi come ieri,
ogni prodotto che esce dall’azienda porta con sé la stessa forza e passione di un tempo. E l’obiettivo non è
mutato: agevolare e tutelare il lavoro di chef e brigate di tutto il mondo.
Le Cucine GICO nascono nella provincia di Treviso, all’interno di un’area produttiva di 12.000 mq e con un
organico di 55 persone. E nascono per durare nel tempo. I clienti, oggi, le utilizzano con soddisfazione da
oltre 20 anni. I prodotti sono venduti in tutto il mondo: Italia, Europa, Emirati Arabi ed estremo oriente.
Alla base ci sono robustezza e affidabilità, da sempre. Ma la grande rivoluzione attuata nei ultimi anni (che è
oggi un valore aggiunto) è l'innovazione:
 Innovazione nell'efficienza energetica;
 Innovazione nella progettazione;
 Innovazione nelle soluzioni che migliorano igiene e sicurezza;
 Il tutto racchiuso nel design made in Italy, funzionale ed esteticamente accattivante.
Cruscotto inclinato, manopole in materiale atermico, maniglie ergonomiche. Questi sono solo alcuni esempi di
quanto lavoro si cela dietro una Cucina GICO. Le apparecchiature GICO nascono grazie all'ascolto delle
esigenze di chi le utilizza, esperti o meno esperti. I team di sviluppo si "divertono" a coniugare le diverse
esigenze dei clienti e dei mercati con le reali fattibilità produttive, dando vita a prodotti dove prevale l'unicità e
l'esclusività. In GICO la produzione si può dividere in cottura verticale e orizzontale.
La cottura verticale identifica la gamma forni Gico: prodotti molto “flessibili”, perché oggi è sempre più
difficile conoscere in anticipo il flusso e la scelta della clientela. Prodotti che consentono di diminuire i tempi di
cottura, mantenendo i sapori, aromi e fragranza degli alimenti. La cottura orizzontale coincide con la
gestione del fuoco e dell'elettricità. L’azienda nasce con questa cottura e tutt'oggi rimane la passione più
grande. Per questo alla funzionalità si unisce anche la particolare attenzione estetica.
Sono quattro le parole chiave che guidano l’azienda nella progettazione: Artigianalità, Design e Ergonomia,
Autenticità e Personalizzazione. Quest'ultimo concetto è oggi un punto di forza: i clienti sono alla ricerca di
qualcosa di unico e Gico offre la possibilità di realizzare il layout con mobili su misura al millimetro. La
massima declinazione di questo concetto si ha nella Monoblocco, dove si parte da un foglio bianco e si
realizza un prodotto ex-novo, un pezzo unico. La filosofia GICO unisce qualità ed eccellenza produttiva
all’importanza di una forte partnership con clienti e fornitori e un team affiatato che lavora con professionalità
ed entusiasmo.
Alla passione e determinazione si unisce l'ascolto e il confronto con i professionisti della ristorazione, perché
è solo grazie al lavoro di squadra e alla condivisione che si possono raggiungere molti altri traguardi.
GICO e CHIC – Charming Italian Chef
Anche nel 2018 continua la collaborazione tra l’azienda trevigiana e l’associazione Chic, iniziata nel 2017 con
la presenza a tutte le tappe del tour dei forni e dei piani cottura GICO, e proseguirà anche nel 2018. La
monoblocco MIA e il forno GLOBE saranno i protagonisti del tour e gli alleati perfetti degli chef che si
succederanno nel corso delle tappe.
GICO ha scelto di entrare, dallo scorso anno, tra i partner dell’Associazione. Il X Congresso Annuale CHIC
rinnova questa importante collaborazione, che vede coinvolta l’Azienda storica della Famiglia Ongaro tra i
numerosi nuovi progetti in corso nel 2018. Tanti i principi condivisi: Semplicità che si traduce nell’umiltà nei
confronti del proprio lavoro, l’importanza del servizio al cliente, la fidelizzazione dello stesso, la responsabilità
e la professionalità. Salubrità nella promozione delle materie prime e nell’importanza delle cotture delicate,
degli accostamenti e degli ingredienti. Sostenibilità, ossia rispetto per l’ambiente, attenzione alle tecnologie e
al loro impatto, attenzione alla produzione e utilizzo degli scarti.
“La sostenibilità implica un benessere (ambientale, sociale, economico) costante e preferibilmente crescente e
la prospettiva di lasciare alle generazioni future una qualità della vita non inferiore a quella attuale.”

Nessun commento:

Posta un commento

PREMIO MACULAN 2019: TORNA IL CONCORSO PER IL MIGLIOR ABBINAMENTO DOLCE-SALATO

Una seconda edizione aperta a tutti, senza limiti d’età. La finale che decreterà la miglior ricetta salata abbinata ad un vino dolce sarà...