sabato 16 giugno 2018

RIGHETTO, Antica Osteria 1780 in Borghi d'Europa

STORIA-DOPO
Antica Osteria da Righetto è il nome della rinata Locanda Righetto, nel centro di Quinto di Treviso. Nel dare il benvenuto a vecchi e nuovi amici, oggi il regno della “bisata” si sdoppia in due ambienti comunicanti: il ristorante e l’enoteca. La cucina dell’Antica Osteria da Righetto propone i piatti della tradizione trevigiana, rivisitati però con tecniche all’avanguardia…
Di acqua (del Sile), ne è passata tanta.
A Quinto di Treviso, alla Osteria da Righetto, gli scapigliati redattori del giornale satirico
Il Cagnan ( il roseo foglio) erano di casa.
Mirco Trevisanello e c. non potevano mancare all’appuntamento con il risotto alla bisata o le anguille fritte, che l’Osteria, immancabilmente,offriva ai suoi avventori.
Una osteria aperta nel lontano 1780 e che, nel corso del 1800,era conosciuta anche come
Locanda dei Cacciatori.
Si può ben dire che la storia della Marca Trevigiana, qui, è di casa.

Molti ricordano come l’ultimo titolare,Toni, rappresentante della sesta ed ultima generazione dei Righetto, fino al 2011 si dedicò alla cura delle anguille, che manteneva vive in quarantena in grandi cassoni di metallo, appositamente traforati per consentire il passaggio dell’acqua di fiume.


Oggi Antica Osteria da Righetto è il nome della rinata Locanda Righetto, nel centro di Quinto di Treviso. Nel dare il benvenuto a vecchi e nuovi amici, oggi il regno della “bisata” si sdoppia in due ambienti comunicanti: il ristorante e l’enoteca.
“ Siamo ben consapevoli della responsabilità che ci siamo assunti, nell’ereditare una storia così
importante – ci dice Andrea. La cucina dell’Antica Osteria da Righetto propone i piatti della tradizione trevigiana, rivisitati però con tecniche all’avanguardia, in grado di valorizzare in chiave moderna e genuina i migliori prodotti del territorio, le verdure di stagione, e naturalmente il pesce fresco di fiume, come l’anguilla, simbolo gastronomico dell’Antica Osteria da Righetto.”

Le scelte ‘cucinarie sono chiare : un menù che si rinnova dunque di continuo, coltivando l’amore per la tradizione, seguendo la stagionalità del “chilometro zero” e liberando la fantasia dello chef.

Marco,in occasione delle giornate dell’asparago di Badoere,ha voluto dare un proprio contributo
proponendo nel corso della trasmissione multimediale L’Italia del Gusto tre piatti non banali.

Un altro, e soprattutto inedito valore aggiunto del locale è la nuovissima enoteca, dove il sommelier AIS consiglia i vini alla mescita, proponendo ogni giorno sia stuzzicanti novità al calice, sia le svariate referenze disponibili in bottiglia, attingendo alla ricca cantina dell’Antica Osteria da Righetto.

Una cantina che privilegia il territorio veneto e trevigiano, offrendo anche la sua etichetta privata, di produzione propria.
Da questa simmetrica commistione tra vino e cucina del territorio, nasce una duplice filosofia, che unisce passato e futuro: oggi, all’Antica Osteria da Righetto, si può ordinare cosa mangiare e poi accompagnarvi il giusto calice…

Ma è bellissimo anche scegliere prima il vino da degustare, e poi lasciare che lo chef vi abbini il sapore ideale. Il denominatore comune rimane lo stesso: la qualità.

Nessun commento:

Posta un commento

Platek a I Maestri del Paesaggio 2018

A un paio di giorni dalla chiusura della manifestazione "I Maestri del Paesaggio" (ancora visitabile a Bergamo Alta fino a...