lunedì 9 luglio 2018

CRACKING ART Arte Rigenerante a cura di Stefano Papetti, Elisa Mori e Giorgia Berardinelli




Fino al 30 settembre 2018

Fortezza di Acquaviva Picena (AP)
Giardino “Nuttate de Lune” di San Benedetto del Tronto (AP)

Il collettivo artistico Cracking Art festeggia nel 2018 25 anni con un nuovo animale - l’elefante - che è stato presentato per la prima volta in Italia ad Acquaviva Picena.


L’Associazione culturale Verticale d’Arte, in collaborazione con il Comune di Acquaviva Picena e con il Comune di San Benedetto del Tronto, presenta Cracking Art. Arte rigenerante un progetto di arte pubblica per la Fortezza di Acquaviva Picena e il Giardino “Nuttate de Lune” di San Benedetto del Tronto. La mostra diffusa, del collettivo artistico Cracking Art, nata da un’idea dell’Associazione culturale Verticale d’Arte, promossa e organizzata da quest’ultima in collaborazione con i due comuni marchigiani, con la curatela di Stefano Papetti, Elisa Mori e Giorgia Berardinelli è patrocinata dal Ministero dei Beni Culturali, dall’ENIT – Agenzia Nazionale del Turismo, dalla Regione Marche e dalla Provincia di Ascoli Piceno.

Un’invasione pacifica e colorata di animali fuori scala occupa gli spazi della suggestiva Fortezza del Comune di Acquaviva Picena e uno stormo di rondini sosta nel Giardino “Nuttate de Lune” a San Benedetto del Tronto, coinvolgendo lo spettatore, sia esso adulto o bambino, in una favola contemporanea dall’estetica pop che invita a riflettere su tematiche universali come la memoria, la natura e l’ambiente.

Il collettivo artistico Cracking Art si distingue per le sue grandi installazioni esclusivamente popolate da animali interamente prodotti con plastica rigenerata, da qui la loro poetica evocata nell’uso del termine crackinginteso come rottura, separazione tra il naturale e l’artificiale e passaggio, per certi versi drammatico, dall’organico al sintetico, che assume in questo caso una connotazione positiva nella scelta dei materiali riciclati e riciclabili a testimonianza dell’impegno sociale e ambientale di questo movimento artistico.
 
Cracking Art festeggia quest’anno un importante traguardo: i suoi primi 25 anni che ha deciso di celebrare con una nuova opera - l’elefante - e una serie di installazioni che fanno leva sulla memoria e che prenderanno il via proprio dalle Marche, ovvero da Acquaviva Picena e da San Benedetto del Tronto.

Così due elefanti blu a grandezza naturale, che simboleggiano il ricordo, presidiano la maestosa Fortezza medievale di Acquaviva Picena: uno appoggia il capo, sede della sua prodigiosa memoria, sulla Torre della Fortezza per acquisirne le storie in una immaginaria    trasmissione di pensiero e al contempo per tutelarne l’esistenza con il suo sostegno; il secondo invece, a disposizione del pubblico, è il custode delle storie di tutti i visitatori che vanno a creare una nuova memoria collettiva e che, attraverso i social, comporranno immagini e testimonianze di chi, appoggiando il capo su quello dell’elefante, vorrà trasmettere un messaggio di cambiamento e rigenerazione.

Su tutta la cinta muraria invece un branco di Lupi placidi, i guardiani, presidiano simbolicamente la memoria collettiva, mentre nel cortile un esercito pacifico e multicolore di Suricati, l’animale sentinella per eccellenza, vigila sul pozzo da cui fuoriesce un grande zampillo d’acqua, per ricordarci che la siccità, il surriscaldamento della crosta terrestre e i cambiamenti climatici che ne conseguono sono i temi fondamentali da cui partire per ripensare il futuro. Infine nel Giardino “Nuttate de Lune”, a San Benedetto del Tronto, uno stormo di grandi rondini si riposa sull’area verde che sorge accanto la foce del fiume Albula per riappropriarsi di un nido che vuole essere collettivo e condiviso.

La mostra Cracking Art. Arte rigenerante si colloca quindi nell’ambito di tutte quelle azioni volte ad attuare una rigenerazione totale del singolo e della collettività attraverso installazioni site specific nei luoghi più vari, da quelli più istituzionali deputati all’arte fino alle strade e alle piazze. Fin dagli esordi Cracking Art ha sempre sostenuto che l’arte rigenera l’arte e mira alla salvaguardia, non solo dell’ambiente, ma anche del ricco patrimonio storico artistico, che soprattutto in Italia permea ogni territorio e che in dialogo con le installazioni ambientali si arricchisce di significato e prende una nuova vita. Proprio per questo è stato scelto come main sponsor della mostra Fainplast, azienda leader nella produzione di compound, per sostenere ancora più fortemente i valori insiti nella poetica di Cracking Art: la plastica è un materiale nobile, al pari di marmo, bronzo, rame, e permette innumerevoli tipi di utilizzo, soprattutto derivanti dal riciclo e dalla rigenerazione. Le stesse opere di Cracking Art hanno un ciclo di vita molto lungo, ma in realtà non muoiono mai, perché la plastica utilizzata per realizzarle viene continuamente rigenerata e quindi ri-usata per comporre altre opere.

Memoria e futuro, da sempre e soprattutto in questo momento storico, sono le parole chiave che hanno accompagnato questi territori marchigiani che oggi con la mostra Cracking Art. Arte rigenerante possono ancora una volta reinterpretarsi e rinnovarsi, pur mantenendo salda la storia e le tradizioni affascinanti di questi luoghi.

Nessun commento:

Posta un commento

PREMIO MACULAN 2019: TORNA IL CONCORSO PER IL MIGLIOR ABBINAMENTO DOLCE-SALATO

Una seconda edizione aperta a tutti, senza limiti d’età. La finale che decreterà la miglior ricetta salata abbinata ad un vino dolce sarà...