martedì 17 luglio 2018

La Spoleto-Norcia non c’è più, ma c’è ancora




Co.Mo.Do. - Cooperazione di mobilità dolce - chiude il 31 luglio la prima stagione semestrale di grandi eventi, con un tributo alla meravigliosa e suggestiva ex Ferrovia Spoleto-Norcia: un storytelling tutto in mobilità dolce, omaggio all'ardimentoso sedime ferroviario mai dimenticato.

 


Spoleto 19 luglio 2018 - Nel cinquantesimo anniversario della chiusura della linea ferroviaria della Spoleto-Norcia (31 luglio 1968 alle 19,40) si svolgerà, nell'ex Fermata Ferroviaria restaurata di Sant'Anatolia-Scheggino, un memoir che narra di quella ferrovia di montagna italiana, di quel piccolo e delizioso lembo d'Italia nell' Umbria che vuole rinascere: la Valnerina. Un memoir rappresenta la necessità e quasi l'urgenza di far rivivere dentro di sé quell'antico tracciato che per fortuna vive oggi come greenway.
«Il massimo sforzo di tecnica dei tracciati: una specie di piccolo "Gottardo umbro". Forse perchè tra le ultime ferrovie a essere progettate, essa è anche la più ardita e difficile; tanto che a nessuno, oggi, potrebbe venire in mente di compiere ex -novo un simile sforzo. Ma tale esempio di tecnica ferroviaria resta, appunto, come monumento a testimoniare di un momento particolarmente felice nel modo di costruire le opere d'arte ferroviarie. E quindi va conservata come nostro patrimonio artistico e paesistico assieme, appunto perchè il paesaggio Centro Appennino Italiano è caratterizzato da questo continuo rapporto fra natura ed opera dell'uomo.» - cosi il Prof. G. F. Koenig. Il tributo di Co.Mo.Do. rappresenta la voglia di tornare a guardarlo con gli occhi dell'anima per ritrovarlo intatto e vitale com'era sempre stato, e intimamente intrecciato con l'esperienza di chi ha avuto la fortuna di conoscerlo quotidianamente e di stimolo per le Istituzioni a riconsiderarne la sua valenza economica.
L'evento è presentato alla stampa giovedì 19 luglio alle 11.30 dal Presidente di Co.Mo.Do. Walter Cardinale, al Centro Studi Co.Mo.Do. presso il Museo della Ferrovia (via F.lli Cervi 10 a Spoleto). Gli eventi programmati il 28-29 luglio saranno outdoor: escursioni in rafting sul fiume Corno, in Mountain bike (con possibilità di noleggio), a piedi, con ponies lungo il sedime, campo avventura, attività di tiro con l'arco e torrentismo organizzati da Rafting Umbria e da MTB Valnerina Multisport. Prenotazioni a tariffe agevolate in occasione dell'evento si potranno avere presso l'infopoint della Stazione di Sant'Anatolia di Narco-Scheggino. Possibilità di ristoro per i viaggiatori con prodotti tipici "Al Binario Giusto".
Martedì 31 luglio alla Stazione ristoro/info point di Santa Anatolia che inaugura la sua attività, si svolgerà l'estemporanea di pittura dedicata alla Spoleto-Norcia, (le opere saranno poi esposte al Museo), e dalle 18.00 in poi Co.Mo.Do. ospita esperti, studiosi e testimoni diretti della vita del tracciato: quella ferroviaria ieri e quella di oggi a greenway. Presente anche la gloriosa "Ass. Ciclostorica La Francescana" e "Italia Nostra Sez. di Fermo", partner di Co.Mo.Do. nello studio di fattibilità della realizzazione della prossima via verde Spoleto-Norcia-Fermo-Amandola. Completano il programma le visite guidate al plastico del museo della ex Ferrovia alla Stazione Museo della Spoleto-Norcia.
Un memoir che, infine, vuole anche essere un dono. Non soltanto per ricordare, ma anche per sostenere la rinascita di un luogo che non c'è più, ma c'è ancora e dal quale può ripartire un nuovo progresso del territorio, attraverso il presidio e riuso

Nessun commento:

Posta un commento

Ecco l’hamburger d’oro da mille euro al chilo

L’idea del macellaio innovativo Antonio Di Sieno con la carne di Wagyu della prefettura di Kagoshima Un hamburger di Wagyu della pre...