giovedì 30 marzo 2017

Al Baconero di Volpago del Montello, ospite il Fiuli a convivio

Ha preso il via la rassegna informativa 'I Colori del Gusto' a Volpago del Montello,promossa
dalla rete dei borghi europei del gusto, nel quadro delle iniziative di informazione di Borghi
d'Europa.
Anna e Federico, numi tutelari del ristorantino/osteria moderna Baconero in località Martignago,hanno proposto una serata a convivio con le eccellenze del Friuli Venezia Giulia.
Dopo le interviste de 'L'informazione che ascolta' alle associazioni del territorio, in
collaborazione con l'Assessore alla Cultura del Comune di Volpago del Monmtello dott.Alessandro
Mazzochel, la serata ha conosciuto un tagliere di formaggi del Caseificio Alto But della Carnia,
il prosciutto di Sauris accompagnato da una delicata fonduta di crema di montasio, la sopressa
del centenario Salumificio Lovison di Spilimbergo con polenta rigorosamente gialla, le tagliatelle
di Sapori di Casa di Sequals, commentate da Anna con un sugo ai carciofi.
I vini di Marco Scolaris del Collio (distribuiti in zona da PD Distribuzione), hanno sottolineato con efficacia la degustazione delle eccellenze,selezionate dalla bottega di sapori friulani 'da Nello' di Conegliano.
La serata ha offerto anche il pinot grigio della azienda agricola Rosalio Pozzobon di Volpago del Montello, come prevede l'accoglienza della rassegna.
Una qubana, semplicemente strepitosa, con il verduzzo di Scolaira ha chiuso l'incontro.

Risultati immagini per immagini vini marco scolaris

APPUNTAMENTI DI-VINI A MILANO: LA PRESENTAZIONE DELLA LOMBARDIA AL VINITALY E IL GAVI



I Borghi Europei del Gusto hanno presenziato a entrambi gli appuntamenti
Milano, 30 Marzo 2017- Le Associazioni Borghi Europei del Gusto e l’Altratavola, grazie alla loro speciale unità d’informazione milanese, hanno presenziato a due grossi appuntamenti enologici a Milano: prima alla presentazione dell’annata 2016 del Gavi (oltre alle due annate precedenti), poi alla presentazione della Collettiva Lombarda a Vinitaly 2017.
Il Gavi Docg, grazie al grande lavoro svolto dal proprio Consorzio di Tutela, si è reso protagonista nella location dello Spazio Anni Luce in zona Porta Venezia, con circa 70 etichette e 25 produttori, col preciso obiettivo di venire valorizzato in una vetrina economicamente importante come Milano: i comunicatori dei Borghi Europei del Gusto e dell’Altratavola hanno potuto una volta di più apprezzare il gusto armonioso e la freschezza in bocca di questo bianco piemontese di uve Cortese.
Il secondo appuntamento invece, è stata la presentazione della Lombardia a Vinitaly 2017, che si terrà a Veronafiere dal 9 al 12 Aprile p.v. . La Lombardia si presenterà coi seguenti Consorzi: Franciacorta, Lugana, Moscato di Scanzo, Oltrepò Pavese, Consorzio Provinciale Vini mantovani, San Colombano, Terre Lariane, Valcalepio, Valtellina, Valtènesi e l’Ente Vini Bresciani in rappresetanza dei territori di Botticino, Cellatica, San Martino della Battaglia e Valcamonica.
Durante la conferenza stampa, l’Assessore Regionale Fava ha dichiarato che bisogna insistere con la promozione del Vino, visti i numeri dell’export dei vini lombardi: c’è stato un incremento del 66,8% negli ultimi 15 anni, che si è notato tangibilmente in paesi come Cina, Hong Kong, Spagna e Belgio. Poi, la vendemmia 2016 ha chiuso con un aumento della produzione del 6,7% e un balzo del 9% dei vini Docg. Numeri notevoli insomma per una regione dove il vino è un attore fondamentale.

MILANO DESIGN WEEK 2017 CNA presenta MANIFATTURA 4.0 The challenge for the future of the Italian companies




Una settimana di eventi, tra incontri B2B e formazione
che culmina Il 7 aprile con il convegno
“Manifattura 4.0 Quale sfida per le PMI?”
 
4 – 9 aprile 2017
BASE Milano
Via Bergognone 34 - I piano
 
PRESS PREVIEW 3 APRILE 2017 DALLE 15 ALLE 19

In occasione dell’evento MANIFATTURA 4.0 organizzato da CNA, la Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa, dal 4 al 9 aprile 2017 gli spazi di BASE Milano si animeranno di eventi: tra appuntamenti dedicati alla formazione e incontri B2B per finire con il convegno del 7 aprile a tema “Manifattura 4.0 Quale sfida per le PMI?”.

CNA vuole dare il via a un percorso formativo che possa accompagnare le PMI nel loro processo di crescita e rinnovamento. Ha deciso di farlo, partendo dell'esposizione al Fuorisalone e creando al suo interno un’area dedicata alla formazione dove ogni giorno saranno offerte "pillole" formative ‘gratuite’, ossia un palinsesto di eventi innovativi e mini workshop rivolti a tutti i settori e curato da ECIPA Lombardia, il consorzio creato dalle CNA lombarde per la formazione e l’aggiornamento degli imprenditori, dei dipendenti e dei collaboratori.
 
La formazione aziendale è il motore che accompagna l'innovazione e il cambiamento dell'impresa e fa crescere la professionalità delle persone. ECIPA Lombardia permette alle imprese di cogliere opportunità e sviluppare il potenziale aziendale” afferma Erasmo Corbella, direttore di ECIPA Lombardia “Quindi per noi partecipare a questo evento non è solo una grande opportunità di visibilità, ma anche sinonimo di networking con CNA e con gli altri partner per offrire un servizio sempre più completo”.
 
I workshop trattano diverse tematiche: il passaggio all’industria 4.0, l'accesso al credito per start up e imprese innovative, la digitalizzazione della formazione mediante simulatori comportamentali, i social media per incrementare il business, come gestire il cambiamento, le opportunità offerte dai Fondi Interprofessionali e da Regione Lombardia e molto altro ancora.
Tutto il palinsesto nel dettaglio a questo link
 
Anche WeMake e M@rchingenio – che presentano i due progetti speciali rOBOTRIP e Green Smart Living – partecipano attivamente al programma formativo. Tutti i giorni WeMake propone demo live no-stop di fabbricazione digitale stampa 3d in grande formato, visite guidate dello stand per istituti formativi e imprese e due presentazioni dei percorsi formativi e learning (martedì 4 aprile h 11:30 e mercoledì 5 aprile h 16:30). M@rchingenio invece affronta il tema dell’internazionalizzazione delle PMI e le nuove frontiere dell’ecodesign tra architettura, design e sostenibilità. Inoltre Green Building Council Italia (GBC Italia) racconta i nuovi scenari del green building design, illustrando la sua mission che è quella di favorire e accelerare la diffusione di una cultura dell'edilizia sostenibile, e sensibilizzare l'opinione pubblica e le istituzioni sull'impatto che le modalità di progettazione e costruzione degli edifici hanno sulla qualità della vita dei cittadini.

L’8 aprile nel pomeriggio è possibile partecipare anche ad uno speed workshop, curato dal team di Italian Stories, per imparare a progettare contenuti relativi al processo produttivo e a sviluppare relazioni con il territorio circostante e con gli attori locali, con l’obiettivo di creare una proposta di esperienza turistica culturale.

Un altro spazio è dedicato agli incontri B2B, gratuiti e aperti a tutti, che avranno luogo il 5 e 6 aprile. Promotore ed organizzatore di questi momenti di incontro e scambio è l’Enterprise Europe Network, una delle più grandi reti del mondo finanziata dalla Commissione Europea per aiutare le piccole e medie imprese a migliorare la loro competitività e misurarsi su scala internazionale.
L’evento è l’occasione per incontrare nuovi potenziali partner, anche internazionali, nel settore del design, e per confrontarsi su temi come la progettazione e la produzione di soluzioni innovative per l’abitare contemporaneo, dal complemento d’arredo, al tessile, ai materiali fino alla green technology e la smart manifacturing.
C’è ancora tempo fino al 1 aprile per registrarsi al seguente link https://www.b2match.eu/milandesignweek2017

A compendio di tutte le attività svolte durante la settimana, il 7 aprile è in programma il convegno “Manifattura 4.0 Quale sfida per le PMI?”. Manifattura 4.0 costituisce la più grande sfida dei prossimi anni - soprattutto per un paese manifatturiero come l’Italia – ed è strettamente connessa alle nuove politiche di rilancio del settore produttivo attraverso l’innovazione tecnologica e organizzativa.
Attraverso il racconto di case history di successo e una tavola rotonda, si cercherà di mettere a fuoco la situazione italiana, analizzando ciò che si sta (e non si sta) facendo per traghettare le aziende manifatturiere italiane verso la quarta rivoluzione industriale. I concetti chiave sono la fabbricazione digitale, intelligente e distribuita e l’obiettivo è quello di mettere in relazione la produzione artigiana che regge il sistema economico italiano (le PMI in Italia costituiscono il 95% del tessuto produttivo con 4,2 milioni di aziende e 8 milioni di occupati, il 47% del totale nazionale) e il processo di innovazione necessario che è possibile veicolare anche attraverso i makerspace e i fablab.

Non solo approfondimento, ma anche svago durante l’evento Manifattura 4.0, grazie agli showcooking con degustazioni organizzati da Bimby all’interno Green Smart Living, che si svolgeranno l’8 e il 9 aprile. Un modo per mostrare e dimostrare come questo modulo abitativo ibrido possa diventare un luogo social e interattivo, grazie alla tecnologia messa a disposizione da HP, non solo all’interno di Green Smart Living, ma in tutta l’area espositiva CNA. In particolare nell’area formazione sarà in funzione HP Z2 Mini, la prima mini workstation al mondo progettata per gli utenti CAD.

L'Aglianico del Vulture Quarta Generazione a Milano per God Save The Wine!





Tre Ettari, un’annata. Giovanna ha 31 anni, possiede tre ettari di vigneto e alle spalle ha tre generazioni di enologi e produttori lucani: i Paternoster. Giovanna supportata da suo padre enologo coltiva cura e affina Quarta Generazione, un Aglianico del Vulture, del quale ora è stato imbottigliato soltanto il 2013. Quarta Generazione è il nome del vino ed è il nome della giovanissima azienda che produce il vino simbolo della sua regione, declinandolo con una grinta e una luminosità particolari: un vino che rimane impresso, destinato a diventare un vino da meditazione. Il vigneto ha più di dieci anni, la produzione è a conduzione biologica certificata ICEA, Istituto per la Certificazione Etica Ambientale, per una produzione annua di 20.000 bottiglie.
Dal 1900 per l’Aglianico.I Paternoster producono Aglianico dai primi del 1900. Anche per Giovanna la passione nasce in vigna, assieme a suo nonno e a suo padre, mentre osserva le tecniche di coltura che mettono a punto. Per gioco e per passione della propria terra, Giovanna impara da loro durante infinite passeggiate in tutte le stagioni, a conoscere il territorio, le terre, le colline, l’uva, l’umidità della notte, dove batte il sole e perché fa bene al vino, dove soffia il vento e perché fa bene all’uva…Così già da ragazzina impara a riconoscere ogni collina del comune di Barile.
Vi aspettiamo Giovedì sera a God Save the Wine, sarà l'occasione per scoprire tutto il fascino del Vulture attraverso Quarta Generazione!


I ROERO DAYS 2017 A MILANO: CHE ECCELLENZE!









Il Consorzio di Tutela del Roero, che raccoglie tutti i produttori del Roero (rosso di uve Nebbiolo) e del vitigno bianco Roero Arneis, è sorto ufficialmente il 4 Marzo 2014 con l’obiettivo di valorizzare e promuovere la cultura di questi due grandi vini e dell’intero territorio, ottenendo la denominazione Docg.
Ad oggi, il Consorzio riunisce circa 300 produttori e viticoltori, con una produzione annua di circa 6 milioni di bottiglie; il Presidente è Francesco Monchiero.
Il 26 e 27 Marzo u.s. a Milano, nella suggestiva location del Museo dei Navigli in zona Moscova, si sono svolti i Roero Days, giunti alla seconda edizione: il banco d’assaggio è stato notevole, con circa 50 Cantine in degustazione.
La redazione dell’Italia del Gusto, come sempre molto attiva nella comunicazione e promozione dei territori e delle eccellenze tipiche, vi ha partecipato, sorseggiando dapprima il bianco Arneis e poi successivamente il nebbiolo Roero, il tutto accompagnato da degli sfiziosi piattini di formaggi e salumi tipici piemontesi.
Le Cantine testate dai giornalisti dell’Italia del Gusto sono state: Cascina Val del Prete di Priocca (Cn), l’Azienda Agricola Chiesa Carlo di Santo Stefano di Roero, la Deltetto di Canale, le Cantine Povero di Cisterna d’Asti, fondate nel 1964, l’Azienda Agricola Giovanni Correggia di Canale, la Delpero Laura, sempre di Canale, la Filippo Gallino, poi l’Antica Cascina dei Conti di Roero di Vezza d’Alba, la Cantina Tibaldi, l’Azienda Agricola Mario Costa, l’Azienda Agricola Marco Porello, la Tenuta dei Fiori di Calosso (Asti), la Cantina Nizza Silvano di Santo Stefano di Roero ed infine le Cantine Negro Angelo e Figli di Monteu Roero e la Maccagno Livio.
Ognuna di queste Cantine degustate ai Roero Days ha suscitato un’emozione, sia per quanto riguarda l’Arneis che per il Roero Nebbiolo: dunque onore al grande lavoro del Consorzio di Tutela del Roero e dei suoi iscritti, perché i vini presenti a questo importante appuntamento enologico erano tutti di alta qualità.




In ordine di foto: 
1 Cascina Val del Prete
2 Chiesa
3 Delpero Laura
4 Deltetto
5 Filippo Gallino
6 Matteo Correggia

Photo Credits By Endstart Photos
 

mercoledì 29 marzo 2017

VINITALY 2017: ALLA SCOPERTA DEI VINI DEL CONSORZIO ASOLO MONTELLO


A Verona dal 9 al 12 aprile degustazioni con il Consorzio Vini Asolo Montello. Asolo Prosecco Superiore DOCG: dal 2013 al 2016 + 569%
PADIGLIONE 4 – STAND B4
Il Consorzio Vini Asolo Montello arriva a Vinitaly 2017 in gran forma. Dal 2013 al 2016 importante la crescita dell’Asolo Prosecco Superiore DOCG: le bottiglie prodotte hanno registrato un +569% arrivando a quasi 8.000.000. “I consumatori – spiega Armando Serena, Presidente del Consorzio – apprezzano le caratteristiche tipiche della viticultura collinare: freschezza, mineralità, note fruttate. Quando noi vendiamo una bottiglia di vino, stiamo raccontando quello che rende unico il nostro territorio. E questo sarà quello che presenteremo ai visitatori di Vinitaly”.
Dal 9 al 12 aprile 2017 a Verona al Padiglione 4 Stand B4 il Consorzio Vini Asolo Montello darà quindi spazio ai produttori per raccontare il territorio attraverso i vini che li rappresenta. Dall'Asolo Prosecco Superiore DOCG – in particolare nelle versioni Extra Brut, Sui Lieviti ed Extra Dry – al Montello DOCG e al Montello – Colli Asolani DOC. Non mancheranno alcune curiosità, come l'assaggio della Recantina, vitigno antico del territorio, e la presentazione della bottiglia isituzionale, un Asolo Docg Superiore nella tipologia Brut prodotto con lieviti indigeni da uve Glera provenienti da soli vigneti dell'area Asolo Montello. Comune denominatore dei vini un'attenzione nei confronti della sostenibilità, della biodiversità e della tutela dell'ambiente, come conferma la recente decisione del Consorzio di adottare lo stesso Protocollo Viticolo 2017 del Consorzio Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG. Insieme nel definire una linea guida per una lotta integrata che abbraccia tutti gli aspetti della gestione del vigneto, in difesa del suolo e dei consumatori.
Durante i quattro giorni in programma anche due degustazioni riservate alla stampa. Si comincia lunedì 10 aprile alle 14 con Prosecco segreto: le declinazione dell'Asolo Montello DOCG attraverso il tempo. Si assaggeranno due annate di Prosecco Asolo DOCG nelle versioni Sui Lieviti, Extra Brut, Extra Dry. Verrà inoltre svolto un focus specifico per la bottiglia istituzionale. Martedì 11 aprile alle 14 in programma invece I vitigni segreti del Consorzio Vini Asolo Montello. In degustazione: DOC Montello Venegazzù Superiore, Recantina, Incrocio Manzoni, DOCG Montello.
Info: www.asolomontello.it

Parma 360 festival della creatività contemporanea




A Parma, dal 1°aprile al 14 maggio 2017
Mostre, installazioni, eventi, incontri, workshop


Torna la seconda edizione di PARMA 360 FESTIVAL DELLA CREATIVITA’ CONTEMPORANEA con un programma ricco di iniziative ed eventi

Dopo il grande successo di pubblico dello scorso anno, torna nella città di Parma la seconda edizione di Parma 360 Festival della creatività contemporanea:uno sguardo a 360° sul sistema della creatività contemporanea italiana e un focus sulla creatività emergente.

Dal 1 aprile al 14 maggio 2017, in diversi spazi istituzionali e privati della città di Parma,è in arrivo un programma ricco di mostre, installazioni ed eventi di fotografia, pittura, illustrazione, grafica e musica:  ovvero l’arte come motore di crescita e trasformazione sociale.

L’iniziativa è organizzata dalle associazioni 360° CreativityEvents, Art Company, Kontainer, con il contributo del Comune di Parma, la direzione artistica di Camilla Mineo e Chiara Canali e un’ampia rete di partner pubblici e privati.

L’anima multidisciplinare del Festival Parma 360, basata sul doppio concettodi recuperare la naturale vocazione culturale e artistica di Parma, facendole vivere in modo nuovo e sinergico gli spazi espositivi, e la valorizzazione della comunità creativa sul territorio,sono sempre il motore della manifestazione. che ha permesso di poter rilanciare e promuovere la cultura artistica e di formazione della città.
Per la seconda edizione del Festival abbiamo colto alcuni aspetti importanti, creando nuove iniziativecon le Associazioni, i Centri di Ricerca, gli Enti, al fine di coinvolgere in maniera sempre più attiva tutta la cittadinanza, avvicinandola in modo sinergico e vitale all'arte contemporanea.

Gli Eventi

Tra i progetti che compongonola seconda edizione del festival, la STAZIONE CREATIVA di Studio Azzurro ha visto esponenti del gruppo artistico e collaboratori, unitamente ad artisti di differenti discipline, studiosi e ricercatori vicini per esperienza culturale o professionale alle tematiche portate avanti da Paolo Rosa uno dei fondatori di Studio Azzurro, davita a nuove forme di progettazione artistica e sperimentale condivisa. L’obiettivo è connettere in modo profondo, permanente e strutturale il territorio con i tre campi della FORMAZIONE, della RICERCA e della PRODUZIONE CREATIVA, con l’ausilio dei nuovi media, opportunamente orientati all’evoluzione cognitiva, etica ed espressiva.
Con la collaborazione e presenza attiva di artisti, docenti, studenti e cittadini ai quali è principalmente rivolta questa esperienza, saranno affrontate e messe in evidenza problematiche legate alla riflessione sul rapporto Arte-Società-Politica.

Palazzetto Eucherio Sanvitale, prezioso gioiello dell’architettura tardo-quattrocentesca nel cuore del Parco Ducale, ospiteràDE RERUM NATURA. Omaggio a Nino Migliori, progetto espositivo in collaborazione con Fondazione Nino Migliori, Bologna e Associazione Piemontese Arte, Torino.

La mostra, a cura di Lucia Miodini, si costruisce a partire dal progetto Herbarium, realizzato da Nino Migliori nel 1974, e dalle sue ricerche sul tema della natura trasformata, rilette e interpretate da una scultrice, Luisa Valentini, e una fotografa, Paola Binante, che riflettono sulla dicotomia natura/artificio, rendendo omaggio al grande maestro bolognese.

A Palazzo Pigorini, in strada Repubblica,saranno presenti due mostre dedicate alla grafica dei manifesti e alla illustrazione. Al primo piano verrà esibito il percorso IL COLORE DELLE STELLE. Mitografie del femminile nei manifesti delle Collezioni Csac, mostra a cura di Michele Guerra, in collaborazione con CSAC (Centro Studi e Archivio della Comunicazione).

Al secondo piano la mostra LAPIS: ILLUSTRATORI CONTEMPORANEI, a cura di Camilla Mineo in collaborazione con Caracol Art Gallery di Torino, presenta le ricerche sull’illustrazione e la grafica applicata degli artisti Marco Cazzato, Riccardo Guasco, Pablo Lobato, Elisa Talentino.
Uno sguardo a 360 sull'illustrazione contemporanea, rappresentata da quattro dei più interessanti interpreti della scena italiana e internazionale. Una mostra che vuole mettere in luce come l'illustrazione non sia solo arte da parete ma arte applicata al design, all'editoria, alla pubblicità, alla musica.
In contemporanea alla mostra verrà lanciata una CALL TO ILLUSTRATORS diretta agli illustratori, grafici disegnatori e artisti under 40, per avviare una riflessione in occasione delle celebrazioni per i 2200 anni della fondazione della città di Parma.

La GalleriaSan Ludovico in Borgo del Parmigianino ospita la mostra NonpotreiusareilverdesenoncifosseMarioSchifano dell’autore parmigiano GIACOMO COSSIO, a cura di Chiara Canali, in collaborazione con Bonioni Arte di Reggio Emilia.  Il colore, per Giacomo Cossio, diventa tramite dell’espressione individuale: un verde acido, un giallo intenso, un arancio acceso sono dispensati dal compito di rappresentare un’immagine esterna e sono scelti in virtù del loro effetto sull’opera, creando diversi piani di lettura che movimentano la scomposizione bidimensionale dei piani geometrici e complicano ulteriormente la lettura finale dell’opera. La mostra nasce dal desiderio di mostrare il lato più manipolabile e labile della natura, non nella sua veste selvaggia e incontaminata, ma invece nella sua forma più controllata e umana, nei vasi sui balconi o all’ interno di aiuole o rotonde stradali.

L’Oratorio di Santa Maria della Pace, denominato BDC28, recentemente restaurato e trasformato in quartier generale di BDC bonannidelriocatalog, apre al pubblico con la mostra BDC11: CELEBRITA’, che presenta ritratti fotografici di personaggi noti appartenenti a 3 “scene”di differenti epoche e geografie: la Roma degli anni 50/60, la New York degli anni 70/80, e la Parma di oggi.

La Casa del Suono di Parma, progetto all’avanguardia in campo artistico e tecnologico che nasce dalla collaborazione di Casa della Musica con l’Università di Parma, con sede nel suggestivo spazio della ex-chiesa di Santa Elisabetta, ospita la mostra,a cura di Chiara Allegri e Camilla Mineo, Music Facesdel fotografo internazionale LUCIANO VITI che nel corso della sua carriera ha ritratto i protagonisti della scena italiana e mondiale, un tributo ai grandi divi del rock, del jazz e del blues quali Miles Davis e Frank Zappa.


Le installazioni urbane

Oltre alle mostre saranno presenti in città delle installazioni di arte urbana degli artisti PAOLO CERIBELLI e MR. SAVETHEWALL.L’opera Barricades di Paolo Ceribelli, che si ricollega agli eventi storici della resistenza a Parma, nasce dal desiderio dell’artista di valorizzare lo spazio di Piazzale San  Francesco. L’installazione di sculture in ferro dai colori accesi, che richiama la forma delle barriere anticarro, diventa al tempostesso limite ed elemento di attrazione per l’occhio distrattodel passante.
Paradosso, ironia, sarcasmo sono alla base del lavoro Forever di Mr. Savethewall, una scultura totemica in legno che rappresenta un tronco da cui emerge la figura di Pinocchio, dal naso allungato, che porta la scritta “forever” impressa sul petto: una provocatoria riflessione sull'amore, ma anche sulle bugie e le falsità della vita di tutti i giorni.

Edicola Piazza della Steccata

Alla base della progettualità di PARMA 360, oltre al concetto di arte e creatività, ci sono anche quelli di rigenerazione urbana e di rifunzionalizzazione degli spazi cittadini per un coinvolgimento attivo della cittadinanza. In accordo a questi principi, la seconda edizione del festival vede la riapertura dell’Edicola ottocentesca di Piazza della Steccata attraverso un allestimento dedicato all’opera di Vincenzo Gardoni, autore espressionista parmigiano che ha abitato e lavorato nello studio prospiciente Piazza della Steccata.
L’Edicola sarà il punto cardine dell’installazione attorno alla quale ruoteranno le vetrine dei negozi anch’esse allestite.Tanti e tanti volti, oggetto della sua opera, saranno al centro di questoomaggio a Vincenzo Gardoni proprio in occasione dell’anno del centenario della sua nascita (1917-2017).

Rassegna concerti nell’ex farmacia San Filippo Neri

Tra le varie iniziative che mirano alla rigenerazione urbana e rifunzionalizzazione degli spazi cittadini, nella seconda edizione di PARMA 360 trova spazio un ambizioso progetto: la rivalutazione dell’ex farmacia San Filippo Neri e l’utilizzo di questa suggestiva location come base per la realizzazione di concerti, mostre, esposizioni ed eventi artistici.
La storica farmacia di San Filippo Neri, che si trova a Parma in Palazzo San Tiburzio, nell'antica sede della Congregazione della Carità,venne fondatacon lo scopo di prestare la propria assistenza materiale e spirituale ai bisognosi, nei primissimi anni del XVI secolo.

Parma 360 fa rete sul territorio

Parma 360Festival della creatività Contemporanea si propone di fare rete tra le associazioni, i centri di ricerca, gli enti del territorio di Parma e provincia, per incentivare competenze e conoscenze locali la cui valenza è riconosciuta a livello nazionale.
A margine di queste importanti conferme, il festival Parma 360 offre a tutte le realtà che operano nell’ambito culturale cittadino, e che siano aperte alla collaborazione, la possibilità di essere incluse nella rete organizzativa, di proporre i loro progetti culturali e di vederli realizzati in una cornice sinergica che possa valorizzare le singole iniziative e la loro visibilità.
PARMA 360, inoltre,intende mettere in rete e promuovere contemporaneamente il patrimonio artistico già esistente in un vero e proprio museo diffuso sul territorio, valorizzando attraverso l’arte contemporanea chiese sconsacrate, palazzi storici e spazi di archeologia industriale non sempre conosciute dai cittadini della città.


Parma 360 e i suoi partner

PARMA 360 è reso possibile grazie al contributo delle istituzioni pubbliche e al coinvolgimento di alcune aziende private,a dimostrazione di come l’Arte possa essere uno strumento per la valorizzazione del patrimonio culturale e volano di crescita economica e sociale del territorio.
Oltre all’importante contributo del Comune di Parma e del Bando Funder35 – l’impresa culturale che cresce, dedicato alle organizzazioni culturali non profit, PARMA 360 si avvale del generoso sostegno di sponsor privati e aziende delle città, come Chiesi Farmaceutici, Parmalat, Poliambulatorio Dalla Rosa Prati e Studio Livatino.

360 VIRAL: il circuito OFF

Parma 360 è un festival virale, disseminato in tutta la città: la sezione 360 VIRAL si propone di coinvolgere il pubblico in un percorso artistico diffuso nel centro storico, con l'obiettivo di rilanciare e promuovere la cultura artistica più vitale e presente nel territorio. All’appello tutti gli spazi creativi di Parma: gallerie, studi professionali, coworking, enolibrerie, negozi per una ricca e curiosa offerta espositiva.

Per offrire una adeguata ricezione turistica in città, durante questi mesi verranno attivati speciali sconti e convenzioni con alberghi, ristoranti ed esercizi della città, che a loro volta parteciperanno con iniziative a tema. Per chi volesse proporre la propria iniziativa può rivolgersi a info@parma360festival.it

Programma mostre ed eventi:
(mostre a ingresso libero)

·         STUDIO AZZURRO
Stazione Creativa
Workout Pasubio Temporary
Via Palermo 6

·         DE RERUM NATURA. OMAGGIO A NINO MIGLIORI
A cura di Lucia Miodini
In collaborazione con Fondazione Nino Migliori, Bologna e Associazione Piemontese Arte, Torino
Palazzetto Eucherio San Vitale
Parco Ducale

·         IL COLORE DELLE STELLE.
Mitografie del femminile nei manifesti delle Collezioni Csac
A cura di Michele Guerra
In collaborazione con CSAC
Palazzo Pigorini
Strada Repubblica 29/A (1 piano)

·         LAPIS: ILLUSTRATORI CONTEMPORANEI
Marco Cazzato, Riccardo Guasco, Pablo Lobato, Elisa Talentino
A cura di Camilla Mineo
In collaborazione con Caracol Art Gallery, Torino
Palazzo Pigorini
Strada Repubblica 29/A (2 piano)

·         GIACOMO COSSIO
A cura di Chiara Canali
In collaborazione con Bonioni Arte, Reggio Emilia
Galleria San Ludovico
Borgo del Parmigianino 2/A

·         BDC11: CELEBRITA’
Prodotto da BDC bonannidelriocatalog
BDC28 Oratorio di S. Maria della Pace
Borgo delle Colonne 28

·         LUCIANO VITI
Music Faces
A cura di Chiara Allegri e Camilla Mineo
In collaborazione con Fogg Art Photo Gallery
Casa del Suono
Piazzale Salvo D’Acquisto 1


Info:
Parma 360 festival della creatività contemporanea
Parma, sedi varie
dal 1 aprile al 14 maggio 2017


PREMIO MACULAN 2019: TORNA IL CONCORSO PER IL MIGLIOR ABBINAMENTO DOLCE-SALATO

Una seconda edizione aperta a tutti, senza limiti d’età. La finale che decreterà la miglior ricetta salata abbinata ad un vino dolce sarà...