domenica 17 maggio 2020

IL PROTOCOLLO PER LA RIAPERTURA DI GIUSEPPE IANNOTTI



Giuseppe Iannotti, chef e patron del Krèsios a Telese Terme (Bn) ha sempre applicato standard di sicurezza altissimi, sin dall’inizio dell’attività del ristorante. Molti degli aspetti descritti del decalogo di protezione del benessere dei ragazzi e degli ospiti di Krèsios facevano parte della quotidiana attività regolare, senza dimenticare che le precauzioni igieniche e sanitarie applicate al Krèsios, oltre alla disposizione dei tavoli nella sala dello stesso, avrebbero in ogni caso permesso a Iannotti e al suo team di continuare il servizio di ristorazione senza alcun pericolo. Ciononostante, lo chef ha subito deciso di chiudere il ristorante, per dare un segno forte all’inizio dell’emergenza Covid e si è maggiormente dedicato alla ricerca scientifica in campo gastronomico con il IannottiLab. Ora, in visione della cosiddetta fase 2, e della riapertura del ristorante, prevista il 3 di Giugno, Giuseppe Iannotti ha messo su carta il protocollo del Krèsios, affinché quello che si può considerare come un “decalogo di regole scientifiche e sanitarie” possa essere d’aiuto a tutelare la salvaguardia di tutti, ospiti, brigata, sala e fornitori. I All’ingresso a tutte le persone, compresi i dipendenti, che accederanno alla struttura verrà richiesta la misurazione della febbre con apposito termometro ad infrarossi con errore +- 0,2. A chiunque verrà inoltre gentilmente offerto un gel disinfettante. II Tutti i pacchi in ingresso verranno posizionati al di fuori dal Krèsios, ci sarà una persona adibita al disimballaggio per l’introduzione successiva all’interno dei locali. III In questa fase sarà inibito l’accesso ai locali, a persone e ospiti esterni, a tutti i rappresentanti. Le visite verranno rimandate in fase successiva, e sicuramente saranno accolti attraverso videoconferenze. IV Utilizzo di mascherina obbligatoria cambiata e rigenerata due volte al giorno. V Per la cucina: Timer lavaggio mani, con detergente sanificante ogni 45 minuti. VI Per la sala: utilizzo guanti di stoffa, lavaggio mani ogni 2 ore. VII TAVOLI 4 tavoli del diametro di 1,80 m, che ospitano al massimo 4 persone. 1 tavolo del diametro di 2,20 m, per 6 persone. Distanza tra i tavoli di 2,80 m VIII Il numero massimo delle persone consentito è di 15 coperti in 120mq di struttura. Non accettiamo ospiti occasionali che non abbiano preventivamente effettuato prenotazioni sul sito web, ai quali verrà sottoposto un piccolo questionario (se sarà richiesto dalle autorità). IX La cucina è composta da: Giuseppe Iannotti, Eugenio Vitagliano, Livio Improta, Simone Granata, Annamaria Corrado, più 2 ragazzi in stage dalle scuole, suddivisi in 2 cucine da 35 mq per un totale di 70 metri quadri. X La sala è composta da Alfredo Buonanno, Danilo Maria De Rosa e Gabriele Rapuano operano su una superficie di 120mq più 150mq di cantina. XI Tutti i ragazzi avranno aderito a un decalogo di comportamento, che limita il contatto con persone esterne al fine di salvaguardare il proprio lavoro, l’azienda e gli ospiti. XII Tutte le superfici, i tavoli, tutti i piatti, le posate sono sanificati con una soluzione di alcool puro e acqua al 63% VOL. prima di ogni servizio della portata. XIII La struttura è dotata di sistema di climatizzazione con immissione di aria costante, attraverso estrazione e immissione di aria pulita. XIV Le cappe di estrazione sono dotate di immissione costante di aria pulita e trattata. Inoltre le cappe sono in depressione rispetto alla sala in modo che il flusso della cucina non si mescoli con il flusso della sala. XV I bagni sono sorvegliati sempre da una persona della sala del Krèsios e, all’accesso di ogni singolo ospite, vengono disinfettate tutte le superfici di contatto, compreso maniglie e rubinetteria XVI In questa fase chiediamo ai nostri ospiti di limitare al massimo il pagamento in contanti. Pertanto, il pagamento sarà consentito attraverso lettore POS contactless, o, in alternativa, su richiesta invieremo un directlink direttamente alla mail del cliente per poter o prepagare la cena, in modo da consentirgli di vivere a pieno l’esperienza senza dover pensare più ai soldi, o a fine cena per pagare direttamente al tavolo inserendo gli estremi dal suo telefonino. XVII Per Quanto riguarda gli abbinamenti vino, sarà consigliato il pairing studiato dal sommelier, ma sarà anche possibile richiedere la carta dei vini in formato elettronico.

Nessun commento:

Posta un commento

Franco Toros, la sua famiglia, i suoi vini del Collio a Borghi d'Europa.....

La rete internazionale Borghi d'Europa sviluppa il progetto 'Cormons, Terra della Sostenibilità',nel più ampio percorso de &...