lunedì 4 maggio 2020

MINE WINE, UN’ANIMA, TANTI TERROIR





Questo periodo unico e nefasto nella storia del Belpaese Italico, segnato dalla pandemia del Coronavirus, ha cambiato i comportamenti delle persone sia da un punto di vista sociale che economico-finanziario, vista la lunga impossibilità di lavorare in diversi settori, per prevenire la diffusione del temibile Covid-19.
Mai come ora il vino riveste un ruolo fondamentale, perché accompagna la vita delle persone a casa, a tavola, regalando emozioni e raccontando delle storie di vigna e terroir, che sono impossibili da visitare nel momento attuale: per questo Borghi d’Europa cerca di comunicare vini con un’anima specifica, degni rappresentanti di territori unici.
Recentemente  è stato provato un Gavi Docg annata 2019 decisamente innovativo, un signor Cortese che si distingue perché realizzato con uve provenienti da tutta l’area di produzione del caratteristico Bianco Piemontese (nel Basso Alessandrino, circa 1500 ettari di vigna in totale): tutto questo è il Gavi Mine Wine, che ha visto la luce con la vendemmia del 2018.
Mine Wine è nato grazie al coraggio e la competenza di Giusi Scaccuto Cabella, che dopo una trentennale esperienza nel settore vinicolo sempre nella zona del Gavi Docg, ha sviluppato questo bianco dal concept differente e del tutto naturale nella sua lavorazione, senza l’utilizzo di agenti chimici.
Ricordiamo che l’area di produzione del Gavi Docg è prevalentemente collinare, con un microclima molto complesso, che prevede estati calde e tra ottobre ed aprile molte piogge, oltrechè una forte escursione termica tra giorno e notte. I terreni risentono di tale microclima e presentano terre rosse, marne arenarie e marne argillose, che donano al vino bianco una mineralità spiccata, cosa ben evidente in Mine Wine.
Oltre alla mineralità, nel Gavi 2019 Mine Wine Borghi d’Europa a livello olfattivo ha percepito delle note di agrume molto piacevoli, assieme a una garbata nota erbacea, mentre al palato il vino è risultato fresco e sapido, con una beva piena e generosa, un vino che favorisce il gioco di abbinamenti con cibi con tendenza dolce grassezza.
La storia di Mine Wine è la storia di un intero territorio vocato alla coltivazione della varietà d’uva Cortese che risale alla fine del Settecento:un vino con un’anima e un’identità profonda!


Nessun commento:

Posta un commento

What's New A Collection in Progress 2020 19 settembre 2020 – 13 dicembre 2020 Collezione Giancarlo e Danna Olgiati

      conferenza stampa: venerdì 18 settembre 2020   collezioneolgiati.ch       Dal 1...